• valeria fregoni

Il trauma psicologico; quando qualcosa si rompe dentro di noi.

Trauma, in greco, significa rottura.

Nella vita a volte accadono eventi traumatici che se non elaborati e risolti riverberano sul nostro presente, nonostante appartengano al passato.

Un evento risulta traumatico quando viene vissuto come una minaccia alla nostra integrità o a quella delle persone a cui più teniamo.

Possono rappresentare traumi eventi catastrofici, violenze fisiche, abusi, incidenti, lutti.

Ma esistono anche i cosiddetti traumi relazionali che avvengono in quelle relazioni caratterizzate da instabilità, insicurezza e un senso di pericolo dove l’intensità della minaccia risulta meno intensa rispetto ad altri traumi, ma comunque non per questo meno significativa.

Un evento può essere traumatico anche a seconda di come viene vissuto. Non per tutti la stessa situazione può avere lo stesso impatto emotivo.

Quando un evento però viene percepito come una minaccia è come se al nostro interno si provocasse appunto una ferita che, nonostante il tempo che passa, continua a sanguinare.

Prendiamo l’ esempio di una persona che dopo aver avuto un brutto incidente stradale, magari durante l’infanzia, non riesce più a salire su un auto.

A livello razionale quella persona sa che il fatto di aver avuto un incidente in passato non pregiudica farne un altro ma a livello emotivo il solo salire su un auto viene vissuto come un qualcosa di spaventoso. L’ auto stessa diventa quindi l' attivatore ( trigger) del trauma vissuto magari molti anni prima.

I traumi si possono elaborare ed integrare attraverso l’utilizzo di tecniche specifiche d’intervento in un buon percorso psicoterapeutico. Non si possono cancellare i traumi vissuti, ma è possibile spogliargli di tutta quella connotazione emotiva che ce li fa rivivere come se fossimo ancora lì e attraverso l’elaborazione diventeranno invece dei ricordi (chiaramente brutti ricordi) ma che non faranno più così male e che smetteranno di ripercuotersi sul nostro presente. Tornando alla ferita... non ci saranno più infezioni ma cicatrici guarite che fanno parte della nostra storia.

0 commenti